CORTE COSTITUZIONALE
Sul caso Taricco sfida
la Corte di giustizia europea

Print Friendly, PDF & Email

Dopo due mesi, con l’ord. 24/2017, la Corte costituzionale deposita la motivazione del c.d.  “caso Taricco”. Una motivazione molto sofferta, perché per la prima volta la Corte costituzionale “sfida” la Corte di giustizia a re-interpretare la propria giurisprudenza per renderla compatibile con i principi costituzionali italiani.

Tecnicamente la Corte solleva delle questioni pregiudiziali di interpretazione del diritto dell’Unione europea: ma come aveva fatto poco tempo fa il Tribunale costituzionale tedesco a proposito delle “Operazioni definite monetarie” (vedi la risposta della Corte di giustizia), le questioni sollevate dalla Corte costituzionale sono formulate secondo uno schema “se non mi dici che rispetti i miei principi, io ti dirò che faccio valere i «controlimiti»”, ossia dichiarerò incompatibili con i principi supremi della Costituzione italiana quanto tu insisti ad affermare “anche quando” tale interpretazione “sia in contrasto con i principi supremi dell’ordine costituzionale dello Stato membro o con i diritti inalienabili della persona riconosciuti dalla Costituzione dello Stato membro”.

È una minaccia di guerra che in questo periodo sono molte le Corti nazionali europee ad agitare.

Qualcuno però lo chiama “dialogo tra le Corti”!

 

Condividi!

Lascia un commento

Utilizziamo cookie (tecnici, statistici e di profilazione) per consentire e migliorare l’esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.  Sei libero di disabilitare i cookie statistici e di profilazione (non quelli tecnici). Abilitandone l’uso, ci aiuti a offrirti una migliore esperienza di navigazione. Cookie policy

Alcuni contenuti non sono disponibili per via delle due preferenze sui cookie!

Questo accade perché la funzionalità/contenuto “%SERVICE_NAME%” impiega cookie che hai scelto di disabilitare. Per porter visualizzare questo contenuto è necessario che tu modifichi le tue preferenze sui cookie: clicca qui per modificare le tue preferenze sui cookie.