Complicazioni in arrivo sulla privacy?
Le nuove linee guida del Garante

Print Friendly

Il Garante della privacy ha pubblicato le linee guida per l’applicazione del Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, le cui norme dovranno essere pienamente applicate dalle imprese e dagli enti pubblici (e non solo) a partire dal 25 maggio 2017.

Le nuove norme europee si applicheranno praticamente a tutte le attività, essendo escluso soltanto il trattamento di dati personali “effettuato da una persona fisica nell’ambito di attività a carattere esclusivamente personale o domestico e quindi senza una connessione con un’attività commerciale o professionale”. Il Regolamento ha 99 articoli, preceduti da ben 173 “considerando”, e le linee guida dovrebbero spiegare come si applicano.

Essendo disposte con Regolamento, le nuove norme europee lasciano poco spazio all’attuazione interna. “Gli Stati membri – avverte però il punto 19 della motivazione – dovrebbero poter mantenere o introdurre disposizioni più specifiche per adattare l’applicazione delle disposizioni del presente regolamento. Tali disposizioni possono determinare con maggiore precisione requisiti specifici per il trattamento di dati personali da parte di dette autorità competenti per tali altre finalità, tenuto conto della struttura costituzionale, organizzativa e amministrativa dei rispettivi Stati membri. Quando il trattamento dei dati personali effettuato da organismi privati rientra nell’ambito di applicazione del presente regolamento, è opportuno che lo stesso preveda la facoltà per gli Stati membri, a determinate condizioni, di adottare disposizioni legislative intese a limitare determinati obblighi e diritti, qualora tale limitazione costituisca una misura necessaria e proporzionata in una società democratica per la salvaguardia di importanti interessi specifici, comprese la sicurezza pubblica e le attività di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati o l’esecuzione di sanzioni penali, incluse la salvaguardia contro, e la prevenzione di, minacce alla sicurezza pubblica. Ciò riveste particolare importanza ad esempio nel quadro del riciclaggio o di attività di medicina legale”.

Lascia un commento