Al voto, al voto?
Date un occhio
a Theresa May

Print Friendly

di Antonio Ramenghi

Le scelte politiche compiute sulla base dei sondaggi spesso procurano grosse delusioni. Quel che sta avvenendo nel Regno Unito potrebbe essere uno di questi casi. Theresa May chiese e ottenne il prossimo voto anticipato sulla scorta di sondaggi che vedevano il suo partito al 50% e oltre. Ottenne le consultazioni anche grazie al voto favorevole alla consultazione espresso dai laburisti. Ora quello scenario sondaggistico pare sia cambiato: la distanza con i laburisti si è alquanto ridotta, e, sempre stando ad alcuni recenti sondaggi, i conservatori perderebbero addirittura una ventina di seggi e i laburisti ne guadagnerebbero una trentina.

Questo per diverse ragioni che vanno dal rifiuto della May al confronto diretto con il principale competitore Corbyn, e alla brutta figura fatta nel confronto a distanza; all’atteggiamento intransigente della May nella trattativa con la UE sulla Brexit; alle preoccupazioni che la Brexit ha alimentato non solo nel mondo finanziario inglese ma anche in quello delle imprese e del lavoro.

È assai probabile, quasi certo, che May vinca le prossime politiche ma è possibile che quella vittoria invece di rafforzarla rispetto alla situazione attuale la indebolisca o, quanto meno, che il ricorso alle urne da lei fortissimamente voluto alla fine riproduca lo status quo ante. Con conseguente prezzo politico da pagare soprattutto con i cittadini chiamati alle urne inutilmente.

La vicenda inglese dovrebbe indurre qualche riflessione anche a chi, qui in Italia, a cominciare da Lega e M5S, ripete ogni momento che bisogna votare presto, al più presto, una volta varata la legge elettorale, spinto dai sondaggi favorevoli e in forza dello sbarramento al 5% che lascia fuori dal parlamento i partiti minori qualora non trovino aggregazioni sufficienti ad arrivare al fatidico 5.

Oltre i sondaggi e dopo i sondaggi arrivano poi sempre anche gli elettori. E gli elettori mai come in questo periodo sono molto molto mobili. Qual piume al vento.

Lascia un commento