“Prima gli italiani”, ma per i soldi “prima la Svizzera”!

Print Friendly, PDF & Email

di Edmund Burke

Può essere benissimo che Attilio Fontana non abbia commesso alcun illecito, non è questo che importa di più. Non si tratta di essere “garantisti” o meno; non si tratta di colpe penali o di illeciti amministrativi; si tratta di decenza. Attilio Fontana non è un qualsiasi privato cittadino. Da 25 anni è in politica. Prima sindaco di Induno Olona, poi di Varese; Consigliere regionale, Presidente del Consiglio regionale dal 2000 al 2006, e infine Presidente della Regione Lombardia dal 2018. Non un “signor nessuno”, dunque, ma un politico di lungo corso e di stretta osservanza leghista. Qualche incidente di percorso “padano” (parlò, nei furori della campagna elettorale, di “difesa della nostra etnia, la nostra razza bianca” dagli immigrati), qualche incidente di percorso finanziario (fu multato nel 2018 – ci ricorda Wikipedia – dall’Autorità nazionale anticorruzione con una sanzione di 1000 euro per non aver adempiuto nel 2016, in quanto sindaco di Varese, all’obbligatoria dichiarazione del proprio stato patrimoniale in conformità alle norme sulla trasparenza).

E ora si scopre che i soldi del suo patrimonio li detiene in Svizzera. Certo, non è un reato, sono soldi “scudati”, quindi regolarizzati grazie ad uno dei tanti colpi di spugna elargiti da questo o quel governo. Però con quale faccia questo signore si unisce all’appello salviniano di “prima gli italiani” – che è l’up-grading del “prima i lumbard”) se lui non si fida di depositare il suo patrimonio in una banca italiana? Fontana è in buona compagnia del resto, tanti sono i politici (Lotti, per esempio, è un altro, giusto per restare alle cronache di questi giorni) che non distinguono la responsabilità penale, che viene fatta valere dai giudici, dalla responsabilità politica, che riguarda noi cittadini. Fontana è responsabile delle discutibili prestazioni sanitarie della Regione che presiede e – si scopre ora – tanto si fida dell’azione politica delle istituzioni di cui è esponente di preferire non rischiare. “Prima le banche svizzere”.

Condividi!

Lascia un commento

Utilizziamo cookie (tecnici, statistici e di profilazione) per consentire e migliorare l’esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.  Sei libero di disabilitare i cookie statistici e di profilazione (non quelli tecnici). Abilitandone l’uso, ci aiuti a offrirti una migliore esperienza di navigazione. Cookie policy

Alcuni contenuti non sono disponibili per via delle due preferenze sui cookie!

Questo accade perché la funzionalità/contenuto “%SERVICE_NAME%” impiega cookie che hai scelto di disabilitare. Per porter visualizzare questo contenuto è necessario che tu modifichi le tue preferenze sui cookie: clicca qui per modificare le tue preferenze sui cookie.