Più bidelli, meno ricercatori: è così che si svilupperà il Paese?

di Giuseppe Di Gaspare

Trovo degno di segnalazione il concorso per “11.655 bidelli in tutto il Lazio anno scolastico 2019 – 2020” (così il bando in Roma Lavoro n. 302 del 20 giugno scorso). Il concorso, per il momento solo annunciato, oltre il Lazio riguarda a regime un organico di 203.434 personale amministrativo ATA per il triennio 2019–2022 i per tutto il territorio nazionale (decreto del MIUR del 3 giugno 2019). La maggior parte sono destinati al profilo collaboratori scolastici (“i famosi bidelli”, spiega l’annuncio ).

Leggi tutto

Contratto di governo: un passo avanti!

di Roberto Bin

Mentre l’attenzione della stampa era concentrata sugli esiti delle votazioni nel nostro Ohio, cioè il Molise, il comitato messo in piedi dal professor Giacinto Della Cananea, per incarico di Di Maio, ha reso disponibile la sua relazione. L’incarico era di studiare se nei programmi delle forze politiche affiorino convergenze tali da permettere l’elaborazione di un’agenda condivisa per il governo del Paese, e quali ne possano essere i contenuti.

Leggi tutto

Riforma della pubblica amministrazione: chi riformerà i riformatori?

Sulla Riforma dell’amministrazione e sulla qualità (ed effettività) della legislazione pubblichiamo questo illuminante articolo di Glauco Nori.

di Glauco Nori

1 – Mettendo mano alla riforma della pubblica amministrazione non si dovrebbe trascurare che, per attuarla, ci si dovrà servire della stessa amministrazione che si presuppone inefficiente.

Leggi tutto

P.A.: quant’è bella trasparenza che si fugge tuttavia…

di Paolo Isola

Per quanto forte sia stato il monito di papa Francesco contro la corruzione nel celebre discorso di un anno fa a Scampia, evidentemente l’aria è già tanto ammorbata che pochi ancora hanno sensi idonei a fiutare dove la corruzione possa annidarsi.

Leggi tutto

Dirigenti scolastici e dirigenti comunali
obbligati alla dichiarazione
dello stato patrimoniale

th

E’ uno degli effetti della riforma Madia: anche i dirigenti scolastici (presidi) e i dirigenti comunali, per effetto dei decreti sulla trasparenza amministrativa, sono tenuti a dichiarare pubblicamente il proprio stato patrimoniale, quello della moglie e dei parenti fino al secondo grado. Ecco perché.

Leggi tutto